05 Ott L’ULTIMA VOLTA CHE HO VISTO PARIGI

con Gloria Sapio, musiche eseguite dal vivo di Andrea Cauduro, inserti drammaturgici di Christine Eade, eleborazioni video di Maurizio Repetto 
Le canzoni di Parigi, ispirate ai suoi luoghi, alle sue atmosfere, ai suoi amori, e trasportate dai suoni dell’accordéon a quelli di una chitarra elettrica, come dire che l’anima di Parigi rimane ma intorno tutto cambia. 

Parigi è forse la città che in assoluto può vantare il maggior numero di canzoni ispirate ai suoi luoghi, alle sue atmosfere, ai suoi famosi amori. Noi, per il nostro viaggio, ci siamo divertiti a farci ispirare da alcune famose o famosissime e da altre meno note, almeno al pubblico italiano. Non abbiamo seguito un criterio particolare, abbiamo semplicemente preso quelle che ci sono rimaste “addosso”, che ci hanno regalato emozioni collegate a qualcosa anche di personale e intimo. Poi, come abbiamo fatto con le immagini scelte da Maurizio, ci abbiamo giocato, le abbiam smontate e ricomposte  fino a farle diventare altro,  catturandone la sola essenza. Le abbiamo fatte diventare, dato che si tratta di canzoni parigine, canzoni cubiste o impressioniste. Così invece di avere in scena un accordeòn, abbiamo una chitarra elettrica, dei suoni metropolitani, come dire che l’anima di Parigi resta ma intorno tutto cambia

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.