La giovane Compagnia durante il periodo di residenza lavorerà alla messa a punto del progetto “Zugzwang”, uno spettacolo teatrale basato sul racconto “Schachnovelle” (La novella degli scacchi) di Stefan Zweig, scritto e diretto dal regista britannico Giles Smith e con Giuseppe Menzo, Mirco Tahoun, Asia Coronella e Dalila de Marco.

“Zugzwang” è la storia della campionessa mondiale di scacchi e del dottor Wilhelm Bach che la sconfiggerà.

Yulia Czentovič è la campionessa mondiale di scacchi.  Durante una partita metterà in discussione il suo lavoro, il suo amore e quella che era stata fino ad allora la sua unica via di salvezza. 
Allo stesso modo la vita del prigioniero Bach è minacciata dal silenzio e dalla solitudine. Bach cercherà disperatamente di mantenere il senso di sé stesso mentre il mondo intorno a lui cercherà di strapparglielo.

Questo testo parla di ossessione e desiderio, di incapacità, determinazione e di speranza. Del continuare a muoversi anche rinunciando, dell’andare avanti, nonostante tutto.

 

Lo spettacolo sarà presentato al pubblico di Sansepolcro il 20 gennaio 2018 alle ore 21 al Teatro Alla Misericordia. 


 

La compagnia Oroboro Teatro.
Nasce all’inizio del 2017 dall’idea di Giuseppe Menzo, Mirco Tahoun, Asia Coronella e Dalila de Marco.
I quattro attori condividono la stessa formazione accademica al Centro Internazionale “La Cometa” di Roma, fondata da Nikolaj Karpov e che vede al centro della sua pedagogia lo studio della biomeccanica teatrale.
Hanno lavorato, tra gli altri, con registi quali Giles Smith, Lisa Ferlazzo Natoli, Fabrizio Arcuri, Flavio Albanese, Antonio Ianniello e Alessio Bergamo.

Dalla loro comune visione del teatro e dalla loro medesima idea della funzione che questo strumento ricopre nella società, la scelta di condividere un percorso umano, artistico, professionale.

L’Oroboro rappresenta un serpente che si morde la coda, simbolo della continua morte e della continua rinascita.

Lo stesso avviene con l’esperienza teatrale, specchio costante della nostra quotidianità, che vive costantemente di cicli, fini e rinascite, giorno dopo giorno, spettacolo dopo spettacolo.

Oroboro teatro comincia il proprio percorso prefissandosi l’obiettivo primario di essere al servizio del pubblico, regalando e ricevendo, in un perfetto scambio circolare, esperienze, insegnamenti e arricchimenti.

 

Giles Smith

Regista, Scrittore, Docente. Ha lavorato al National Theatre di Londra, West End di Londra, A New York, Los Angeles, Al Grotowski Theatre, Wroclaw, La Rai, ATC Cinema. Ha lavorato con Ewan McGregor, Vanessa Redgrave, Judy Dench, Ralph Fiennes, Declan Donnellan, Trevor Nunn, Richard Eyre, David Hare, David Edgar, Patrick Marber. In Italia, con Alessandro Roja, Pamela Villoresi, Sabina Vannucchi, Bruno Armando e Vanessa Gravina. Nel 2016, per il festival di Todi ha diretto l’attrice Caterina Casini in “Woman before a glass”, lo spettacolo di Laboratori Permanenti che rievoca scene dalla memoria della collezionista statunitense Peggy Guggenheim. 

E’ stato docente al Centro Internazionale La Cometa, Guildhall School di Music & Drama, Londra, Mountview Academy, Londra, Prima del Teatro, Centro Sperimentale Roma/Milano, L’Accademia Nazionale Silvio D’amico. 

Il suo ultimo testo teatrale, “Colour in the Darkness” è stato prodotto quest’anno al National Portrait Gallery di Londra con il premio Olivier Ann Mitchell e Ian Reddington.